Dermoriflessologia: dialogare con l’anima attraverso la pelle

dermoriflessologia

La Dermoriflessologia, ideata da Flavio Gandini e Samantha Fumagalli, è una disciplina olistica dedicata al benessere psicofisico e all’evoluzione spirituale dell’individuo.


Questa tecnica si fonda sull’integrazione di conoscenze esoteriche, tramandate nei secoli e giunte fino a noi grazie a personaggi come Georges Ivanovič Gurdjieff, Rudolf Steiner, Carl Gustav Jung e Carlos Castaneda, con le prodigiose scoperte dello scienziato italiano Giuseppe Calligaris.
La Dermoriflessologia si avvale di una tecnica riflessologica che usa la pelle come specchio della sfera psichica e somatica, grazie alla quale si può effettuare un’indagine dello stato energetico e promuovere il riequilibrio psicofisico e l’auto-conoscenza.

La Triplice corrispondenza Pelle-Spirito-Corpo

Emozioni e pensieri producono risposte a livello fisico e reciprocamente le condizioni fisiche influenzano pensieri ed emozioni. Questa relazione si riflette sul tessuto cutaneo, dove è possibile individuare e riconoscere i flussi dell’energia e le memorie cristallizzate nel corpo e nei sistemi energetici.

Sempre attraverso la pelle è possibile inviare segnali al corpo e alla psiche per indurre risposte di auto-guarigione, per prendere coscienza della nostra parte più profonda e autentica, per stimolare sentimenti positivi, per polarizzare i sogni e addirittura per sviluppare le facoltà superiori.

Le mappe dermoriflessologiche

La Dermoriflessologia usa principalmente le mappe cutanee scoperte agli inizi del ‘900 da Giuseppe Calligaris, medico specializzato in neuropsichiatria, alle quali si sono aggiunti nuovi punti
riflessogeni individuati negli ultimi anni di ricerca.

La Dermoriflessologia dispone di:

  • mappe psicosomatiche con le corrispondenze tra organi fisici e sentimenti;
  • mappe cronologiche per accedere alle memorie individuali ed elaborarle;
  • mappe genealogiche per accedere alle memorie degli avi ed elaborarle;
  • mappe oniriche per polarizzare i sogni e il lavoro dell’inconscio;
  • mappe psichiche per focalizzare sentimenti ed emozioni e sfruttare il potenziale nascosto in noi;
  • mappe metapsichiche per attivare e incrementare le facoltà superiori;
  • mappe evolutive per sperimentare percorsi di crescita personale;
  • mappe alchemiche per sviluppare coscienza e consapevolezza, promuovere l’evoluzione spirituale.
Leggi anche:  Il potere del pensiero positivo: trasforma la tua vita

mappa mano dermoriflessologia

Come funziona la dermoriflessologia

Attraverso un’apparecchio di elettrostimolazione (TENS – Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation) si vanno a testare le condizioni di benessere o di malessere dei vari organi e del sistema emozionale, attraverso la mappa presente nel palmo e nel dorso delle mani. Una volta individuati gli squilibri, sempre attraverso la stimolazione cutanea (a diversa intensità e frequenza), è possibile inviare segnali al corpo e alla psiche per indurre risposte di autoguarigione o stimolare sentimenti positivi.

In breve, la Dermoriflessologia parte dalla pelle per leggere le condizioni psico-fisiche di una persona e irradiare informazioni che aiutino l’individuo a mettere in atto i propri meccanismi di guarigione (tramite la Legge degli Antagonismi o Legge della Complementarietà).

Cosa si può fare con la Dermoriflessologia

La Dermoriflessologia consente di:

  • rilevare le condizioni di benessere o di malessere fisico e psichico;
  • inviare segnali a corpo e psiche per indurre risposte di riequilibrio e auto-guarigione;
  • portare alla luce la vera personalità, le aspirazioni, i desideri autentici;
  • lavorare sulle memorie genealogiche e i condizionamenti derivanti dalla storia familiare;
  • promuovere la risoluzione di traumi passati;
  • agevolare la liberazione da condizionamenti dovuti a condizioni di vita difficili, episodi stressanti e dolorosi;
  • stimolare sentimenti positivi;
  • amplificare e pilotare l’attività onirica per trovare soluzioni nuove e creative;
  • risvegliare le facoltà superiori;
  • facilitare percorsi di crescita personale;
  • sviluppare la coscienza e la consapevolezza

Il Dermoriflessologo è un operatore del benessere, un supporter, un coach, un assistente, un sostegno per le persone che si rivolgono a lui. Accompagna la persona da una situazione presente a una desiderata e lo aiuta a prendere coscienza della condizione attuale e delle motivazioni che lo hanno condotto fin lì. Lo aiuta a operare un cambiamento per migliorare il proprio rapporto con se stesso e con il mondo circostante, facendogli scoprire e valorizzare le proprie potenzialità. Lo aiuta inoltre a individuare i propri obiettivi e a raggiungerli attraverso un processo autonomo di auto-conoscenza e apprendimento.

Leggi anche:  Guida ai migliori oli essenziali, le proprietà e l'utilizzo

Il Dermoriflessologo può agevolare il naturale processo di auto-guarigione e aiutare la persona a prendersi cura di sé, a scoprire i propri limiti e condizionamenti così come le potenzialità, i talenti, le aspirazioni autentiche.
Il Dermoriflessologo non è un medico né uno psicologo né un operatore della salute. Non cura, non guarisce, non fa psicoterapia né psicoanalisi, non fa terapia sostitutiva e non rilascia ricette o prescrizioni.

Accademia di Dermoriflessologia

La scuola ufficiale di Dermoriflessologia di Flavio Gandini e Samantha Fumagalli permette la formazione in operatore Dermoriflessologo ed è ufficialmente riconosciuta dal CONI/ASI nell’ambito delle Discipline Olistiche per il Benessere.
Il percorso si articola su sette appuntamenti per un totale di 150 ore accademiche frontali (più l’esame finale).
www.dermoriflessologia.it

Risorse utili

Dermoriflessologia - Samantha Fumagalli Dermoriflessologia
Dialogare con l’inconscio attraverso la pelle
Samantha Fumagalli, Flavio Gandini
Compralo su il Giardino dei Libri
Il Potere dei Sogni e la Dermoriflessologia Il Potere dei Sogni e la Dermoriflessologia
Una guida per trovare nei sogni soluzioni creative alle questioni che ci stanno a cuore
Samantha Fumagalli, Flavio Gandini
Compralo su il Giardino dei Libri