Quello che siamo è il risultato di ciò che abbiamo pensato

Questa è una delle più belle frasi del Buddha che ci spinge a meditare sull’importanza dei nostri pensieri. E’ possibile che la mente sia così potente da plasmare la nostra vita?

Quello che siamo è il risultato di ciò che abbiamo pensato. – Buddha

Chi sono? Questa è la domanda delle domande, che ci spinge nella ricerca di qualcosa che, in fondo, sta dentro di noi.

I pensieri sono molto più “illusori” di quanto ci rendiamo conto. Chi è che pensa? Cosa sono i pensieri?
Con i nostri pensieri creiamo la nostra “realtà”, nella quale vediamo riflesso, appunto, ciò che siamo.

Il Buddha ci ricorda come ogni giorno ci nutriamo di pensieri e con essi costruiamo il nostro essere, le nostre convinzioni e tessiamo la trama della nostra vita.

Poiché tutto è un riflesso della nostra mente, tutto può essere cambiato dalla nostra mente.

Anche questa frase ci spinge a considerare quanto sia potente la mente e quanto importante sia riuscire a non esserne schiavi.
Occorre diventare consapevoli e osservare i propri pensieri per comprendere che non siamo “colui che pensa”, ma per farlo dobbiamo imparare ad essere presenti riportando armonia dentro di noi – tra corpo, mente e spirito.

Puoi aiutarti con diverse tecniche e pratiche che ti possono facilitare in questo percorso, come la meditazione, lo yoga o altre discipline e tecniche olistiche.

Ricorda che TU non sei la tua mente, ma molto di più. Sei un essere spirituale che attraverso l’anima sta facendo un’esperienza terrena. La tua mente è uno strumento fantastico che dovrebbe essere al servizio dell’anima, non il contrario!

Quindi non rimanere in balia della tua mente e schiavo delle tue emozioni, ma diventa padrone di te stesso e dei tuoi pensieri e sviluppa un atteggiamento che ti permetta di iniziare a pensare positivo e in modo più fiducioso nei confronti della vita. Vedrai manifestarsi nella realtà i cambiamenti che apporti dentro di te.

Leggi anche:  Cosa ci insegna la rabbia e come possiamo gestirla

Voglio lasciarti dei consigli per migliorare la qualità dei pensieri, indicandoti alcuni atteggiamenti che potresti abbandonare per migliorare la tua vita:

  • abbandona la lamentela: smettila di lamentarti di tutto poiché la tua energia va dove va la tua attenzione. Lamentarsi spegne i neuroni.
  • abbandona il giudizio: tutto è perfetto così com’è. Smettila di giudicare sempre tutto e tutti poiché stai giudicando te stesso.
  • abbandona le tue paure: non c’è nulla che ti ostacola di più verso una vita piena, gioiosa e felice. Vivi nel momento presente.

Hai pensieri e atteggiamenti che non riesci a trasformare? Quali invece sei riuscito/a a trasformare? E con quali risultati?
Condividilo nei commenti!

Risorse utili

Ho preparato una selezione di libri che ti consiglio, sono stati utili nel mio percorso e spero possano esserlo anche per te.

Camminando con il Buddha Camminando con il Buddha
Zen e felicità
Thich Nhat Hanh

Compralo su il Giardino dei Libri

Sulla Mente e il Pensiero Sulla Mente e il Pensiero

Krishnamurti

Compralo su il Giardino dei Libri