Le Danze Sacre del Fiore della Vita

danza sacra del fiore della vita

In questo articolo ti presento le danze sacre che ho conosciuto in un’esperienza con Carolina Botti – insegnante e presidente dell’Associazione Italiana Danza Sacra in Cerchio.

Dopo una introduzione sulle danze sacre, in questo articolo vi presento una nuova e particolare versione di danza ispirata al Fiore della Vita.

Le danze sacre

La sacralità della danza è stata sempre evidente nella storia dell’uomo in tutte le tradizioni. Tra le danze sacre, quelle più conosciute al grande pubblico sono quelle di Gurdjeff, un insieme di movimenti e danze che appartengono agli insegnamenti della quarta via.

Quelle proposte da Carolina invece sono danze sacre in cerchio che appartengono ad una visione olistica della danza, che vuole mettere in luce gli aspetti profondi, simbolici, unificanti e celebrativi delle danze stesse, per manifestare armonia a tutti i livelli d’esperienza e per raggiungere maggiore consapevolezza di sé creando valori di rispetto e cooperazione.

La “Danza Sacra in Cerchio”, in altri Paesi chiamata “Sacred Dance” o “Meditation des Tanzes” o altri modi differenti a seconda dei luoghi e della ricerca specifica di ciascun insegnante, sono danze di diversa origine: alcune hanno un retaggio tradizionale, altre sono nuove creazioni di questi ultimi trentanni di studio.

L’intrecciarsi delle danze tradizionali con le nuove danze in cerchio permette di cogliere i valori fondamentali per lo sviluppo dell’essere umano e ci trasporta in uno spazio“sacro” dove simboli e forme di movimento rivivono dal passato fondendosi con nuove visioni e consapevolezze, per condurci verso un sentiero di realizzazione ed integrità guardando al senso più profondo della vita.

Il termine “sacro” è stato scelto per ricordare che le danze non sono solo un’attività per il corpo fisico, ma ci armonizzano a tutti i livelli coinvolgendo anche il corpo emotivo e mentale, allineandoci con la terra e lo spirito. Al di là di una connotazione religiosa specifica, danziamo nella consapevolezza di “essere Uno” con tutta l’Umanità, onorando con la danza tutti gli aspetti della Vita che consideriamo “sacri”.

Leggi anche:  Mindfulness: acquisire consapevolezza con la piena attenzione

Infatti, il termine tedesco ’Heilig tanz’, usato in un primo momento per definire questa ricerca e che fu successivamente tradotto in inglese con ‘Sacred dance’, condivide la sua radice con heilen (sanare) e heil (intero). Da qui si intuisce cosa Bernard Wosien, il padre della Danza Sacra in Cerchio, intendesse sottolineare dell’esperienza del ‘sacro’: un ritorno all’integrità, alla completezza e all’unità.

La danza sul Fiore della Vita

Il Fiore della Vita: sette cerchi che si intersecano secondo un ordine ed una geometria perfetta, lo schema di creazione dell’universo ripetuto in un codice infinito. E sono proprio questi aspetti: la forza della creazione, la spirale di vita, la doppia elica del DNA, i bracci della galassia, quelle immagini che sono emerse durante la creazione di una danza in cerchio collegata con il numero 7.

Sette come i colori dello spettro solare, come le note musicali della scala diatonica, come i vortici di energia chiamati chakra, (ecc…). Siamo partiti dal considerare il numero 7 come un campo di manifestazione che permette all’Energia di progredire, di passare ad un livello superiore (come nella scala diatonica di passare all’ottava) e questo ci ha portato alla realizzazione della danza.

Questa danza, che successivamente abbiamo chiamato “Il Fiore della Vita” per l’energia creatrice che sviluppa e per la forma finale che va a rappresentarlo, è dunque una coreografia di gruppo nata da dieci insegnanti di Danza Sacra in Cerchio, riunitisi per lavorare con ispirazione sulle forme geometriche e i numeri nelle danze, tema del Festival italiano di Danza Sacra in Cerchio 2017.

Con un entusiasmante lavoro collettivo, partendo da alcune intuizioni e conoscenze di base, lavorando insieme con spirito di cooperazione ed ascolto reciproci, aperti a ricevere le intuizioni e le immagini che danzando insieme venivano canalizzate, si sono create le condizioni ottimali di ricettività, senza prevaricazione, nello spirito di servizio.

Leggi anche:  Non dualità: il più grande insegnamento spirituale

Come si svolge la danza

Per eseguire la danza “il Fiore della Vita” il gruppo dovrebbe essere composto da 49 persone che vanno a comporre sette gruppi di sette danzatori/danzatrici. Si onora l’energia creatrice del numero 7 danzando in vortici e spirali, la doppia elica del DNA e i bracci di una galassia, per arrivare quasi “magicamente” a comporre sei cerchi periferici con il 7° cerchio centrale.
Nel finale ci si interseca formando il disegno di un fiore, che approssimativamente si può associare al disegno del “Fiore della Vita”: anche se al momento non è geometricamente possibile rappresentarlo con precisione, noi ne abbiamo percepito l’energia essenziale, tanto da sentirci ispirati ad utilizzarne il nome, come titolo per la danza.

Nel praticarla abbiamo percepito un’apertura ad un’altra frequenza energetica sentendoci rinnovati e rivitalizzati; abbiamo sentito una connessione con il movimento dell’Universo e della Vita infinita che si muove nel macrocosmo così come nel nostro microcosmo interiore. È probabile che ruotando in vortici, prima in un senso e poi nell’altro, la danza ci porti ad una sorta di equilibrio delle due parti del cervello, l’emisfero destro e l’emisfero sinistro, ad un bilanciamento dentro di noi delle due energie corrispondenti, conducendoci così a sperimentare l’Unità della Vita.

Abbiamo lavorato dunque con l’energia creatrice del numero 7, che si è qui concretizzata anche nell’esperienza di unione delle nostre capacità creative individuali di esseri umani, che appunto unendosi hanno co-creato e manifestato questa danza, operazione forse impossibile da realizzare singolarmente, solo col proprio piccolo “io”.

E come il simbolo del Fiore della Vita, che continua a replicarsi in tutte le direzioni sino all’infinito, così è ogni danza sacra in cerchio che, danzata e ripetuta in differenti gruppi e contesti, aumenta sempre di più il potere di diffondere la forza e la bellezza dell’armonia di gruppo!

Sito Carolina Botti www.carolinaincerchio.it
Sito danze sacre in cerchio www.danzasacraincerchio.it